L'Arcade più Retroscena: gli chef stellati ambasciatori marchigiani del gusto alla Bit

31.01.2024
Nikita Sergev, Pierpaolo Ferracuti con il Governatore Acquaroli
Nikita Sergev, Pierpaolo Ferracuti con il Governatore Acquaroli

Gli chef stellati sangiorgesi Nikita Sergev de L'Arcade e Pierpaolo Ferracuti di Retroscena sono tra gli ambasciatori del gusto della Regione Marche alla Bit di Milano in programma dal 4 al 6 febbraio. 
Stamane in Regione la presentazione del programma con i due chef accanto al Governatore Acquaroli. 

Questi i piatti che presenteranno i due ristoratori sangiorgesi.
 L’Arcade- Chef Nikita Sergeev

Ricetta: Entrata

Consommé di coda di bue al tartufo nero.

Vino in abbinamento: Lacrima di Morro d’Alba Superiore 2022 DOC PAUCCA F.lli Badiali

 Retroscena- Chef Pierpaolo Ferracuti

Ricetta: Secondo piatto

Faraona farcita alla Rossini

Vino in abbinamento: Rosso Conero 2020 Fattoria Le Terrazze 

Il.tavolo di stamane alla presentazione
Il.tavolo di stamane alla presentazione
Sarà la figura del compositore pesarese Gioachino Rossini, in onore di Pesaro Capitale della Cultura 2024, il leit motive delle iniziative pensate quest’anno dalla Regione Marche per la Borsa internazionale del Turismo che si svolgerà a Milano (Allianz MiCo). Come ogni anno, torna infatti dal 4 al 6 febbraio una delle fiere internazionali più importanti del settore dedicata sia agli operatori che ai viaggiatori. Il programma completo delle iniziative (in allegato) è stato presentato oggi nel corso di una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il presidente della Regione Marche e assessore al Turismo Francesco Acquaroli, il direttore dell’Atim Marco Bruschini, una rappresentanza degli chef stellati marchigiani dell’iniziativa “Firmamento Stellato”, dell’Unione regionale Cuochi Marche e il direttore dell’Accademia del Tartufo Giuseppe Cristini.

“Ci presentiamo a questo importante appuntamento nazionale e internazionale – ha spiegato il presidente Acquaroli – con un programma ampio e variegato per far conoscere al mondo tutte le nostre eccellenze. Ci aspettiamo un trend a conferma del successo dello scorso anno. Puntiamo ancora sull’enogastronomia, settore in costante crescita e che ha reso quest’anno le Marche protagoniste su palcoscenici prestigiosi come Piazza di Siena a Roma e la Settimana della Cucina Italiana nel mondo, a Parigi. Ringrazio la squadra degli chef stellati e l’Unione Cuochi Marche che con grande entusiasmo ci affiancano in tante iniziative, perché la responsabilità di promuovere un territorio come il nostro fatto di tanti campanili non è mai facile, ma attraverso le nostre ricette e i nostri vini riusciamo a portare le Marche con tutte le infinite peculiarità che le contraddistinguono. Oltre la tavola naturalmente, c’è la cultura che quest’anno può contare anche sul valore aggiunto di Pesaro Capitale italiana della Cultura 2024 e sul ritorno di immagine che sarà sicuramente positivo per la riconoscibilità di tutta la nostra regione. Ci sono la volontà e la determinazione di puntare sul settore del turismo in modo più deciso rispetto al passato, intercettando i circuiti che ancora non ci conoscono e guadagnando sempre più rispetto sui palchi internazionali. Dobbiamo quindi spingere sulla promozione, destagionalizzare e continuare ad intercettare nuovi flussi di turistici. Per fare tutto questo sono fondamentali anche i collegamenti sia con il resto d’Italia che con l’estero”. 

Pesaro 2024 e l’inaugurazione ad essa dedicato.

“Altro appuntamento da non perdere domenica – ha proseguito Bruschini -, l’inaugurazione al piano terra dello stand, dello spazio espositivo dedicato alla Capitale della Cultura italiana. Presente come sempre all’appello inoltre, anche l’Associazione Cuochi Marche con i piatti della tradizione che saranno protagonisti dello showcooking nella giornata di lunedì 5. Nel corso della fiera presenteremo anche l’Agenda Marche con un calendario unico degli eventi 2024 che poi verrà presentato in tutte le fiere internazionali del turismo. L’agenda consentirà a tanti turisti di poter programmare le loro ferie in base agli appuntamenti preferiti con largo anticipo”.