Porto San Giorgio isolata dalla grande viabilità del fermano

15.07.2021

 Lungotenna, rotatoria di San Marco alle Paludi e Mezzina: tre grandi infrastrutture che ridisegnano la viabilitá del fermano isolando di fatto la città di Porto San Giorgio. Il grido d'allarme arriva dagli imprenditori del settore turistico della costa sangiorgese, preoccupati dalle scelte della politica locake che punta a far diventare il casello A14 di Porto Sant'Elpidio baricentrico nella provincia di Fermo. Il finanziamento del primo tratto della Lungotenna spingerà verso Campiglione e in futuro verso la media e alta Valtenna, con il sostegno della Mezzina che, attraverso la nuova sopraelevata di Monte Urano, diventerà by pass verso il maceratese. 

  Una nuova rete viaria che di fatto taglierà fuori Porto San Giorgio e la costa.
 "Sarà un danno per l'economia turistica della città - spiegano gli imprenditori del settore - un imbuto che rischia di relegare Porto San Giorgio ad una periferia. Occorre che la politica sangiorgese e fermana si faccia carico del danno che questa nuova viabilitá porterà al territorio. La Valdete e la Valdaso ricche di turismo hanno arterie da anni '70, si parla di terza corsia A14 ma senza contropartita: su questo argomento auspichiamo unità politica per combattere l'isolamento".
#portosangiorgiotoday #viabilità